Dopo un’attenta pressatura soffice delle uve abbiamo ottenuto un mosto al quale sono state effettuate una chiarifica a freddo (7-8°C).

Successivamente sono stati inoculati lieviti selezionati che hanno iniziato a trasformare gli zuccheri dell’uva (glucosio-fruttosio) in alcol e anidride carbonica.

Il processo fermentativo è avvenuto ad una temperatura costante di 13-15°C per favorire l’estrazione del maggior numero di sostanze aromatiche presenti nella buccia.

Aggiornamento in collaborazione con Giacomo Mantegazza Studente dell’Università Statale di Milano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *