Il famoso “taglio” del vino da imbottigliare è il momento più importante e più difficile per creare il nuovo prodotto.

Per “taglio” si intende la “miscelazione” di vini o di mosti, di diverse provenienze, di diverse varietà di vite, di diverse vendemmie o appartenenti a “categorie diverse” di vino o di mosto (Reg. n. 606/09, art. 7, par. 1 – v. a pag. 771).

Mentre la parola “Uvaggio” intende la miscela di uve di diverse varietà o diversa tipologia di cloni.

In Oltrepò Pavese era molto diffuso soprattutto per quanto riguarda le varietà a bacca rossa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *